Il focus è sull'Umbria

Dell’Umbria si parla poco. È una piccola regione che raramente appare nei rotocalchi patinati con foto di calciatori e veline. Forse anche per questo l’Umbria ha mantenuto inalterato un fascino mistico e sereno, fuori dal tempo.

Vuoi affidarci la ricerca della tua proprietà? Compila il questionario cliccando il tasto qui sotto

"Borghi come nelle favole"

TERRITORIO

Le città umbre sono antichissime e inerpicate su colli battuti dal vento, immersi in un mare di pacifici ulivi. Centri d’arte di ineguagliabile bellezza – Perugia, Assisi, Gubbio, Città di Castello, Spoleto, Todi, Orvieto, Spello, Montefalco, Foligno – o ugualmente bellissimi centri minori.

L’Umbria è terra di santi, intrisa di un misticismo che entra nella pelle e riempie di gioia, la stessa che pervade lo splendido Cantico della Creature francescano. Le tradizioni contadine rimangono ben salde, qui, nel cuore verde d’Italiala campagna è viva e offre prodotti dai sapori forti, genuini, che imbandiscono le tavole dei tanti ristoranti, agriturismi, trattorie, locande e delle infinite sagre e feste secolari.

L’Umbria è un luogo magico, un posto splendido dove abitare o dove passare le proprie vacanze. È terra di colli, di boschi, di vigne e olivi, di frusciare del vento tra le fronde, di laghi, di silenzi, di stellate, di buon cibo e buon vino, di arte e cultura, di storia, di antiche tradizioni, di semplicità. L’Umbria è tutto questo e molto più. Siamo forse un po’ di parte? Forse, resta però il fatto che l’Umbria è bellissima. E non è cara. Comprare casa qui può rivelarsi un buon affare: i prezzi sono ancora abbordabili, non avvicinabili, se non per le zone più richieste come il Lago Trasimeno, Assisi e Todi, a quelli della vicina Toscana.

Noi scommettiamo sul fatto che queste differenze andranno riducendosi. E voi?

L’Umbria è un luogo magico, un posto splendido dove abitare o dove passare le proprie vacanze. È terra di colli, di boschi, di vigne e olivi, di frusciare del vento tra le fronde, di laghi, di silenzi, di stellate, di buon cibo e buon vino, di arte e cultura, di storia, di antiche tradizioni, di semplicità. L’Umbria è tutto questo e molto più. Siamo forse un po’ di parte? Forse, resta però il fatto che l’Umbria è bellissima. E non è cara. Comprare casa qui può rivelarsi un buon affare: i prezzi sono ancora abbordabili, non avvicinabili, se non per le zone più richieste come il Lago Trasimeno, Assisi e Todi, a quelli della vicina Toscana.

Noi scommettiamo sul fatto che queste differenze andranno riducendosi. E voi?

CITTÀ D'ARTE

NATURA

L’Umbria offre un gran numero di itinerari naturalistici, da percorrere a piedi, in bici o a cavallo, con panorami molto diversificati e ugualmente bellissimi.
Vi sono in Umbria vari parchi naturali ed oasi naturalistiche. Segnaliamo in particolare i seguenti, entrambi ubicati in territori montuosi e spesso tralasciati dai turisti con poco tempo.

Parco del Monte Cucco: si snoda tra i territori di Gubbio, Gualdo Tadino e Sigillo ed è rinomato per chi ama il trekking, la mountain bike, il parapendio, la speleologia e lo sci da fondo.

Parco Nazionali dei Monti Sibillini: abbraccia le province di Perugia, Macerata, Fermo ed Ascoli Piceno, al confine tra Umbria e Marche. Spettacolari i paesaggi del Piano grande di Castelluccio di Norcia, con il Monte Vettore (2476 m) sullo sfondo. Abbonda la fauna selvatica, compresi il lupo, l’aquila reale ed il falco. Si possono praticare il trekking, passeggiate a cavallo, mountain bike, sci da fondo, sci da discesa, rafting, arrampicata, canyoning. La città di Norcia, patria di San Benedetto, merita senz’altro una visita.

Molte sono le possibilità di trekking tra le colline e i monti umbri. Segnaliamo in particolare, oltre ai già citati Monti Sibillini e Monte Cucco:

Monte Subasio, tra Assisi e Spello, con 14 sentieri tracciati;
Monti Martani, tra Spoleto, Montefalco e Terni;
Cascata delle Marmore e Ferentillo, tra Terni e la Valnerina;
Sentiero Francescano della pace Assisi-Gubbio, un percorso tra misticismo e spiritualità;
Sentiero Europeo E1 nel tratto umbro, articolato in 11 tappe;
Monte Peglia e la Selva di Meana, che coprono un vasto territorio tra Orvieto e Marsciano;
Via Francigena da Perugia a Piediluco: un affascinante percorso tra fede e natura articolato in 16 tappe.

Molte sono le possibilità di trekking tra le colline e i monti umbri. Segnaliamo in particolare, oltre ai già citati Monti Sibillini e Monte Cucco:

Monte Subasio, tra Assisi e Spello, con 14 sentieri tracciati;
Monti Martani, tra Spoleto, Montefalco e Terni;
Cascata delle Marmore e Ferentillo, tra Terni e la Valnerina;
Sentiero Francescano della pace Assisi-Gubbio, un percorso tra misticismo e spiritualità;
Sentiero Europeo E1 nel tratto umbro, articolato in 11 tappe;
Monte Peglia e la Selva di Meana, che coprono un vasto territorio tra Orvieto e Marsciano;
Via Francigena da Perugia a Piediluco: un affascinante percorso tra fede e natura articolato in 16 tappe.

L’Umbria offre tutto l’anno una grande varietà di eventi, mostre, sagre paesane, feste popolari, alcune di grande suggestione. Elenchiamo solo le principali:

Perugia – 8 / 18 luglio

Umbria Jazz è una delle più importanti manifestazioni jazzistiche d’Europa, nata nel lontano 1973. Ha ospitato e continua ad ospitare nelle sue edizioni i più grandi jazzisti moderni. Lo spettacolo dura dieci giorni interi: dalla mattina alla sera nel centro storico di Perugia, tra piazze e antichi palazzi, si tengono concerti di jazz non-stop.
Perugia diventa punto di incontro per decine di migliaia di giovani provenienti da tutta Europa e dagli Stati Uniti.

Assisi – Primi giorni di maggio

Il Calendimaggio è una accurata rievocazione dei costumi e della vita medievale e rinascimentale con spettacoli teatrali, concerti, canti e cori, danze, cortei, esibizioni di arcieri, balestrieri e sbandieratori.

Gubbio – 25 maggio

La Festa dei Ceri ha radici secolari, che affondano addirittura nel mistero delle celebrazioni rituali degli antichi umbri.
I Ceri sono tre gigantesche macchine di legno del peso di circa quattro quintali ognuna, sormontate dalle statue di Sant’Ubaldo, San Giorgio e Sant’Antonio, portate a spalla dal centro storico fino alla vetta del monte Ingino, dove sorge la basilica del santo patrono. Il percorso vede i ceraioli impegnati in una corsa sfrenata per le vie della città e nell’ardua, faticosa salita al monte, seguiti da una folla esaltata e osannante.
La festa è una delle manifestazioni più singolari d’Italia, impregnata di una fortissima emotività mistica che trascina il pubblico. I Ceri di Gubbio sono lo stemma della Regione Umbria.

Orvieto – 2 / 10 ottobre

Prestigioso appuntamento eno-gastronomico che si pone come obiettivo la riscoperta e la salvaguardia del gusto e dei prodotti tradizionali che rischiano di perdersi a causa della crescente omologazione.
A spasso con gusto è un itinerario slow per conoscere sapori e profumi passeggiando tra vie, piazze e palazzi storici. I laboratori del gusto sono degustazioni guidate per scegliere e confrontare cibi e vini in prevalenza umbri, ma anche italiani. Il programma prevede convegni, incontri di studio e iniziative delle Città Slow, le città del buon vivere, associate in rete internazionale.

Spoleto – Fine giugno / inizio luglio

Il Festival dei Due Mondi fu istituito da Gian Carlo Menotti con lo scopo di creare un momento di incontro e di scambio tra la cultura italiana ed europea e quella americana. Oggi è una delle manifestazioni di maggior prestigio a livello internazionale e offre spettacoli di prosa, danza, lirica, concerti, mostre d’arte e film. Durante il festival si svolge, inoltre, Spoletoscienza, conferenze-dibattiti aperti al pubblico, con la partecipazione di autorevoli personaggi del mondo della scienza, alcune dei quali premi Nobel.

Gubbio – Fine maggio

Il Palio della Balestra è una gara di tiro a segno con la balestra medievale da postazione. Vi partecipano la Società Balestrieri Eugubina e quella di San Sepolcro, due città che praticano da secoli questo sport. I balestrieri indossano l’antico costume storico, mentre gli sbandieratori si cimentano in giochi di abilità.

Foligno – Giugno (18/19) e Settembre (18/19)

La giostra, ripresa nel 1946, si ispira a una gara a cavallo del XVII secolo che si proponeva di determinare l’ordine di priorità per un cavaliere d’onore nella fedeltà al principe o alla dama del cuore. Oggi, dieci cavalieri a cavallo, uno per ogni rione di Foligno, misurano la loro abilità tentando di infilare con la lancia una serie di anelli di diametro sempre più piccolo. La gara ha esiti altamente spettacolari e si svolge in notturna. La sera precedente la competizione sfila per le vie della città un corteo di 600 personaggi in costume.

Perugia – Novembre

Una grande fiera dedicata agli amanti del cioccolato, che trasforma ogni anno la città di Perugia in un’animata pasticceria all’aperto.
Stage amatoriali e semi-professionali, degustazioni, esposizioni e altri appuntamenti si alternano nel centro storico della città. Un festival unico e vario che vede come protagoniste le più prestigiose realtà dolciarie italiane ed estere.

Città della pieve – Metà agosto

La Caccia del Toro del Palio dei Terzieri rievoca, in forma incruenta, le antiche “Cacce” senesi, una sorta di corride che ancora ai tempi del Perugino si svolgevano nella vicina città ghibellina, alla quale Città della Pieve, per secoli ribelle allo Stato della Chiesa, è legata da sempre per storia, tradizioni, cultura.

Il giorno del palio, dopo il corteo storico che parte da Piazza Plebiscito e accompagna gli arcieri al Campo di Santa Lucia, si svolge la gara di tiro con l’arco. I campioni, tre per ogni Terziere, hanno a disposizione tre frecce per ciascun tiratore. I bersagli sono tre sagome mobili in forma di toro chianino, montate su un’unica giostra; ogni toro di legno ha una fascia con i colori del rispettivo Terziere. Dal primo al terzo turno, la velocità della giostra aumenta e cogliere il bersaglio diventa ancora più difficile.

SAPORI

Enogastronomia

Vino, norcineria, tartufo e
prodotti tipici…

La qualità della cucina umbra è davvero eccellente. Ovunque andrete, dalle sagre paesane ai ristoranti a 5 stelle, mangerete senz’altro prodotti semplici e incredibilmente gustosi.

L’olio, il tartufo, il vino, la norcineria, il farro, la lenticchia, la cicerchia, lo zafferano, la torta al testo, gli strangozzi: questi sono solo alcuni degli ingredienti della cucina regionale. Non perdete l’esperienza di andare ad una sagra: dalla sagra del cinghiale a quella della cipolla, gusterete i piatti tipici umbri nel loro contesto naturale. 

Le strade del vino

Un capitolo a parte meritano le Strade del Vino, percorsi da percorrere in auto, moto, bicicletta o a piedi tra le dolci colline umbre, con visite alle cantine vinicole:
  • La strada del Sagrantino

    Nei pressi di Montefalco viene da secoli coltivato uno dei più preziosi vitigni autoctoni italiani: il Sagrantino. 27 sentieri pedonali disponibili nella zona.

  • La strada dei colli del Trasimeno

    5 itinerari che si snodano attorno al lago Trasimeno, tra boschi, abbazie e buon vino.

  • La strada dei vini etrusco romana

    Viaggio nelle più antiche terre da vino dell’Umbria, tra Orvieto e Amelia.

L’umbria è un luogo magico in cui vivere, posizionata strategicamente per poter raggiungere in fretta ogni regione d’Italia. Immersa nel verde delle dolci colline, nelle quali sono incastonate città dal cuore pulsante. Vivere qui, può essere un privilegio e se anche tu sogni di farlo, compila il questionario cliccando il tasto qui sotto.

Reset password

Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo un link per cambiare la tua password.

Inizia con il tuo account

per salvare le tue case preferite e altro ancora

Iscriviti con e-mail

Inizia con il tuo account

per salvare le tue case preferite e altro ancora

By clicking the «ISCRIZIONE» button you agree to the Termini di utilizzo and Politica sulla riservatezza

Scorri in alto
×